Gen 29

Luci a San Ciro (piccola dedica a Portici)

Visto che sulla guida di Napoli della De Agostini indicano piazza San Ciro a Portici come piazza San Siro – l’avrà scritta un milanese – trovo giusto rubare al grande Vecchioni il testo base della canzone “Luci a San Siro”.

La canzone è in prima persona e parla di un porticese che lavora a Milano (non è autobiografica).

Hanno ragione, hanno ragione
han detto: “E’ terùn ogni cosa che sta là,
vieni in piscina col tuo costume”,

Luci a San Ciro (Piazza San Ciro)

Luci a San Ciro (Piazza San Ciro)

“ma è del mare che ho voglia
se non l’hai capito già!”
E che gli dico:”Guardi non posso,
che quando passeggio
passeggio lungo il viale suo,
magari anche fra le sue auto
ma ho sempre camminato pieno di felicità”

Luci a San Ciro di quella festa
che c’è di strano siamo stati tutti là,
ricordi il suono della sua banda?
Tu a imitare con la bocca il giro in LA.
Ma stai barando, tu stai cantando,
così non vale, è troppo facile così
trovarti girarti giocare a pallone
Nella tua piazza con il caldo che fa li.

Per il lavoro emigro, mi han messo sul mezzo
non son capace più di dire un solo no
Ti vedo in foto e ti vorrei dire
ma tanta strada in mezzo a noi che cosa fa?
Fa la mia vita, fa la tua storia
tanto doveva prima o poi finir così
crescevo e ora a forza devo lavorare
ora l’ho capito, mi son qui per laurà.

Scrivi Vincenzo, scrivi programmi
che più ne scrivi più sei bravo e fai danè
tanto che importa a chi li utilizza
se lì sei nato e non sei nato qui al nord?
Fatti pagare, fatti valere
più picchi i tasti più ti dicono di si
e se hai le dita anchilosate che importa
tienile chiuse e nessuno lo saprà.

Portici mia portami via, fa tanto freddo,
ho l’artrosi e non ne posso più,
facciamo un cambio prenditi pure
quel po’ di soldi quel po’ di prosperità
ma dammi indietro la mia cinquecento,
i miei vent’anni e quella piazza che tu sai
Milano scusa stavo scherzando,
feste a San Ciro non ne vedrò mai più.

 

(ho ripreso un mio vecchio post pubblicato su un altro blog nell’ottobre 2010)

Licenza Creative Commons
Questa opera è licenziata come Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia License.

Lug 11

IV Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle – Paolo Nespoli premierà i vincitori

Domenica 15 luglio alle ore 20, il famoso astronauta italiano Paolo Nespoli, sarà l’ospite
d’onore per la serata di premiazione dei vincitori del IV Premio Internazionale Federico II
e i Poeti tra le stellenello splendido contesto di Castel del Monte (BAT).
Paolo Nespoli è salito due volte a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per svolgere
esperimenti scientifici. L’Astronauta è famoso nel mondo per essersi impegnato a bordo in un
reportage fotografico di 800 scatti.
Unico nel suo genere nel mondo, il Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle,
alla IV edizione 2012, è un concorso di opere per poesie e racconti in lingua italiana e disegni e pitture, contenenti temi, esperienze, ispirazioni e soggetti riferibili all’astronomia e agli oggetti e meraviglie del cielo.
Il cosmo, infatti, con i suoi misteri, le sue bellezze e i suoi fenomeni suggestivi ed emozionanti
ha da sempre ispirato il senso poetico dell’umanità. Per dare espressione a questa splendida vocazione
la Società Astronomica Italiana Sezione Puglia ha ideato il Premio avvalendosi della collaborazione
degli Istituti Italiani di Cultura all’estero. Con l’astronomia, il Premio ha promosso in tutto il mondo
la cultura e la storia del medioevo italiano rendendo omaggio alla figura di Federico II di Svevia, che
all’Italia meridionale, e alla Puglia in particolare, ha consegnato un’inestimabile eredità storico-culturale,
non a caso definito Stupor Mundi per l’eclettismo intellettuale e al suo mecenatismo a favore della cultura,
delle scienze e delle arti figurative. Alla cerimonia, organizzata dalla Società Astronomica Italiana –
sez. Puglia, The Lunarsociety, Apuliae Manuscripta e dall’Ass. cuturale Andria Live, interverrà Bianca Tragni,
fine conoscitrice della figura dell’imperatore svevo, che ne illustrerà il suo universo rappresentato, e racchiuso
dal magnifico ottagono che farà da splendida cornice alla cerimonia. Il reading delle opere vincitrici sarà
curato con la magistrale bravura dell’attore barese Paolo Panaro e Maria Liuzzi, giornalista del Tg Norba 24,
condurrà con la sua eleganza e professionalità le fasi della cerimonia.Ispirandosi a Federico II e alla sua passione per l’astronomia, l’artista Paolo Cataldi di Monopoli (Ba)
ha realizzato, appositamente per il Premio, le opere in ceramica che saranno donate ai vincitori e ai pregevoli ospiti. Il Premio sostiene Emergency, che sarà presente alla cerimonia per ricevere il contributo versato a suo favore dagli autori che hanno preso parte al Premio. Il Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle è realizzato e promosso in collaborazione con The Lunar Society Italia, associazione barese di promozione sociale e divulgazione scientifica e con Apuliae Manuscripta, associazione di promozione del patrimonio culturale pugliese con sede a Conversano. Numerose, infine, le istituzioni che hanno collaborato alla diffusione del bando, oltre agli 89 Istituti Italiani di Cultura presenti in 60 sedi estere, tra le quali spiccano l’Agenzia Spaziale Europea, l’ESO (European Southern Observatory), l’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, l’INAF, l’Istituto Nazionale di Astrofisica, il principale ente di ricerca per lo studio dell’universo, la Società Italiana di Archeostronomia, l’Unione Astrofili Italiani, Coelum, la principale rivista italiana di divulgazione astronomica.&bnsp;
dott. Sabino Liso
fonte VideoAndria.Com
Apr 26

La mattina della festa di San Ciro a Portici

E’ la prima domenica di maggio di un anno nel tempo.

E’ primavera inoltrata ma non ancora estate, il profumo che si respira diventa una sensazione.

Alzandomi dal letto so già che l’intera famiglia è quasi pronta per l’uscita e vive della stessa mia “friccicheria”.

Le tappe previste in giro per la città fanno parte delle tradizioni di  famiglia e seguono percorsi consolidati da anni.

Inizialmente si risale il  mercato (Via Marconi) dribblando  le tante bancarelle eccezionalmente in bella mostra anche di domenica che, come nelle ore di punta feriali, restringono lo spazio di passaggio rendendo impossibile il normale transito di una macchina e di un pedone contemporaneamente.

L’occhio è sempre all’erta, soprattutto ai basalti scuriti dall’acqua dei pescivendoli – di mestiere e improvvisati – che “rinfrescano” la merce a getti continui.

San Ciro - Piazza San Pasquale

San Ciro - Piazza San Pasquale

Lo slalom tra la folla di famiglie porta finalmente a raggiungere le spalle della chiesa di San Ciro, non senza essersi fermati alla bancarella dei fumetti a scovare numeri mancanti di Dylan Dog o Topolino.

Finalmente la strada si immette, allargandosi come la foce di un fiume,  in una Piazza San Ciro affollata ma non colma.

Il sole è piacevole sul viso, la presenza del mare a pochi passi si avverte come quella di un amico.

Dalla piazza si vedono le prime luminarie che si perdono da ambo i lati, sia lungo il corso Garibaldi che sulla salita di via Libertà. Ogni anno la disposizione, specialmente nella piazza, è più accorta per evitare che il passaggio del Santo patrono venga reso più difficoltoso.

Ad ogni angolo c’è un venditore di palloncini ad elio che, come ogni anno, tenta di appioppare  le immancabili automobili di formula 1  e  il personaggio di turno disegnato sempre sulla stessa sagoma: Batman, Spiderman o Goku.

Se si è fortunati, si riescono ad evitare con reciproca soddisfazione i parenti della carrambata annuale.

Intanto il tuo sguardo si posa sulla chiesa che domina la piazza, eccezionalmente con tutte le porte aperte e il vuoto lasciato dalla statua del Santo che instilla un silenzioso senso di attesa.

Comincia così la parte più attesa e tortuosa del tragitto: da Piazza San Ciro al Granatello passando per il Corso Umberto I.

Il corso è un susseguirsi di bancarelle senza soluzione di continuità, c’è di tutto:  dolciumi di tutte le forme e colori, i venditori di tartarughe pulcini e pappagalli, il panno che pulisce tutto, le immagini dei cantanti neomelodici e dei giocatori del Napoli in cornici dorate,  cassette (prima)  CD e DVD ‘alternativamente originali’, le mitiche noccioline zuccherate.

La gente si accalca in processioni a doppio senso spontaneo – curiosamente simili al senso automobilistico – mentre qualcuno si attarda al tiro al bersaglio con le lattine che non cadono mai o alla ruota della fortuna.

L’acceso all’entrata del bosco e della villa comunale sono rese inaccessibili dal fiume umano.

Pochi passi ancora e finalmente ci si trova davanti a piazza San Pasquale: a due passi dal bosco e a due passi dal mare.

Dopo una rapida affacciata dal terrazzino della stazione per guardare il porto si torna rapidamente indietro per aspettare, quasi all’altezza dell’entrata della villa comunale, il passaggio di San Ciro.

Pochi minuti e la musica in lontananza avverte che l’attesa è quasi finita.

Pompo pompompo pomporomporopò… ed ecco che i pennacchi bianchi e celesti   fanno da apripista mentre in lontananza una macchia amaranto diventa più nitida.

San Ciro tra la folla

San Ciro tra la folla

Un silenzio di bocche che impennano sorrisi cala sulla folla, già si sa quel che si vedrà eppure non diminuisce l’attesa… ancora un po’…  ecco…  se il signore “toglie  la testa” lo vedo… Eccolo!Eccolo!

Ed eccolo, con le sue tre dita  che si stagliano davanti  ad un viso quasi vivo, eccolo San Ciro che fluttua sulle onde di spalle poderose di persone di ogni estrazione sociale.

Le donne più anziane, commosse al limite del pianto, commentano come se avessero visto un parente: <<Comm’è bell’!>>

Il silenzio si rompe in esplosioni di applausi, ci si sente come dopo un

San Ciro - primo piano

San Ciro - primo piano

gol del Napoli, la gente comincia a commentare dell’altra gente che segue la processione ma poi via, tutti a confondersi e a diventare, mai come questo giorno, una sola armoniosa macchia umana.

Probabilmente solo se sei di Portici puoi capire: puoi essere ateo, mussulmano o  bestemmiatore incallito, se sei di Portici davanti a San Ciro non puoi non emozionarti.

 

Viva San Ciro, Viva Portici!