Proverbi napoletani tradotti – Lettera A

Proverbi napoletani tradotti – Lettera A

proverbi napoletani A

proverbi napoletani A

‘A casa d’ ‘o ferraro è ‘e lignamme.
La casa del fabbro è fatta di legno

A’ altare sgarrupàto nun s’appicciano cannèle.
Ad altare deteriorato non si accendono candele: Alle donne ormai anziane non si fanno moine.

A’ bella ‘e ciglie, tutte ‘a vonno e niscuiuno s”a piglia.
La bella di ciglia tutti la vogliono ma nessuno se la prende: Le ragazze particolarmente avvenenti vengono desiderate da molti ma nessuno poi se le marita.

A buono cavallo nun le manca sella.
Al buon cavallo non manca la sella… chi ha le qualità trova sempre qualcuno che le apprezza

A buono ‘ntennitòre poche parole.
A buon intenditore poche parole

‘A capa ‘e sotta fa perdere ‘a capa ‘e còppa.
La testa di sotto fa perdere la testa di sopra: Chi ragiona con gli organi genitali spesso non ragiona col cervello.

‘A carocchia, a carocchia, Pulecenella accirette ‘a mugliera.
Do piccolo pugno in piccolo pugno Pulcinella uccise la moglie : E’ la versione napoletana di “goccia a goccia si scava la roccia”. Tradurre carocchia è davvero arduo.

‘A casa cu’ ddòje porte ‘o diàvulo s”a porta!
La casa con due porte, il diavolo se la porta: troppe opportunità presuppongono il peccato.

‘A casa d”o jucatore nun c’è àutro che dolore.
A casa del giocatore, non c’è altrro che dolore.

A casa, ‘e pezziente nun mancano maje.
A casa, il pezzente non manca mai: ogni famiglia ha la sua pecora nera

A casa d’ ‘o ‘mpiccate nun parlà ‘e corda.
Non parlare di corda a casa dell’impiccato.

‘A cera se jetta e ‘a prucessione nun cammina.
I ceri si consumano ma la processione non avanz: indica l’inconcludenza anche se gli elementi per procede ci sono tutti

A chiàgnere ‘nu muorto so’ làcreme pèrze.
A piangere un morto sono lacrime perse: non piangere sul latte versato.

‘A chi nun tene figlie nun ghì né pe’ denare né pe’ cunziglie.
Da chi non ha figli non andaren ne per denari ne per consigli.

A chi pazzèa cu’ ‘o ciuccio nun le mancano càuce.
A chi gioca con l’asino non mancano calci.

A chi troppo s’acàla ‘o culo se vede.
A chi troppo si abbassa gli si vede il culo

A chi piace l’ospite, nun piace ‘a spada.
A chi piace l’ospite, non piace la spada: chi ama ospitare per pigrizia non ama avventurarsi o dar battaglia

‘A cicala canta, canta e po’ schiàtta.
La cicala canta, canta e poi schiatta: chi fa lo smargiasso finisce male

‘A collera è fatta a cuòppo e chi s”a piglia se schiatta ‘ncuòrpo.
la rabbia è fatta a forma di piramide capovolta, a chi ce l’ha resta un peso in corpo

‘A cucina piccerella fa ‘a casa granne.
La cucina piccola fa la casa grande

‘A cunferenza è ‘a mamma d”a mala criànza.
La troppa confidenza genera la maleducazione.

A dicere so’ tutte capace; ‘o defficile è a ffà.
A parole son tutti bravi, il difficile è fare ovvero: tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.

‘A famma fa ascì ‘o lupo da ‘u bosco.
La fame fa uscire il lupo dal bosco. La necessità aguzza l’ingengo e prepara ad affrontare anche difficoltà nuove.

A fatica re fraciti se venne a caro prezzo.
Il lavoro degli svogliati è quello che si vende a costo maggiore.

‘A femmena bella s’appretende, a brutta se marita.
Mentre la bella donna si fa ambire, la brutta si accasa

‘A femmena nun se cocca co ciuccio solo pecchè straccia ‘e lenzole.
La donna non va a letto con l’asino per la paura che stracci le lenzuola. Qui ci sono diverse possibili interpretazioni, a voi la scelta.

‘A femmena pe’ ll’ommo addeventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addeventa fesso.
La donna può impazzire per un uomo, l’uomo per una donna può diventare fesso.

‘A gallina fa ll’uovo e o gallo ll’abbruscia ‘o culo.
La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il culo.

‘A gatta graffia pure quanno l’accarezzi
La gatta graffia pure quando l’accarezzi. Chi è infido lo resta anche quando viene trattato bene.

‘A gatta pe’ jì ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate.
La gatta per fare presto fece i figli ciechi.

‘A lavà a capa ‘o ciuccio se perde l’aqua e ‘o sapone.

A lavare la testa all’asino si perde l’acqua e il sapone. Per far capire una cosa ad un testardo si perde tempo e denaro.

A llietto stritto cuccate ‘mmiezo.
Letto stretto, addormentati in mezzo. Di fronte alle difficoltà adattati e affrontale

A lo ffriere siénte l’addore! A li cunte siénte lo chianto!
Al momento di friggere senti l’odore! Al momento del conto senti i pianti!

A lo pover’ommo e a la mala femmena dalle lo sujo e lassali ghì.
Il povero’uomo e la mala femmina dagli il loro e lasciali perdere.

‘A mala nuttata e ‘a figlia femmena.
Una brutta nottata e la figlia femmina. Vecchismo modo di dire per indicare che tutto va male.

‘A mamma d’ ‘e strunze è sempre prena.
La mamma degli imbecilli è sempre incinta.

‘A meglia parola è chella ca nun se dice.
La miglior parola è quella che non si dice. Il silenzio a volte vale più di mille parole.

‘A morte nun tene crianza.
La morte non ha rispetto.

A mugliera d”o latro nun sempe sciala e ride.
La moglie del ladro non sempre spende e ride.

‘A mugliera ‘e ll’ate è sempe cchiu’ bella.
La moglie degli altri è sempre più bella… come l’erba del vicino insomma

A ogne casa nce ave ‘a sta ‘na croce.
In ogni casa ci sta una croce. I guai non mancano mai in una casa.

A ppava’ e a mmuri’ ce sta semp’ tiemp.
Per pagare e morire c’è sempre tempo.

‘A pianta s’addrezz a quann’era piccerell.
La pianta si raddrizza da piccola. L’educazione si impartisce fin da piccoli.

‘A pigliato assi pe ciure.
Ha scambiato assi per figure  – riferito alle carte napoletane – ovvero Ha preso fischi per fiaschi).

‘A pigliato ‘o cazzo pà bancarella ‘e l’acqua .
Ha scambiato l’organo genitale maschile per il chiosco dell’acqua ovvero ha preso fischi per fiaschi.Nota: Mitica la citazione in “Benvenuti al Sud”.

A schizzi, a schizzi se fà ‘o pantano.
Goccia a goccia si forma la pozzanghera ovvero con l’insistenza si ottiene il risultato.

‘A capa è ‘na sfoglia ‘e cipolla.
La testa è una sfoglia di cipolla ovvero col tempo il cervello perde colpi

‘A raggiona è d’ ‘e fesse.
La ragione è degli stupidi.

‘A robba bella se fa avvede’
Le belle cose devono essere messe in mostra.

‘A sera sò bastimiente; a matina sò varchette.
La sera sono bastimenti, la mattina sono barchette. Ciò che sembra grande di notte risulta ridimensionato la mattina 8riferito sia alle persone che ai problemi)

‘A sera vaje truvanno ‘e micciarielli.
La sera cerchi la miccia ovvero cerchi la soluzione dell’ultimo minuto

‘A tiempe è guerr ogni spin é spada.
In tempo di guerra ogni spina é una spada ovvero in tempi difficili si combatte con ogni arma

A vera ricchezza d’ ‘a casa songo ‘e figlie.
La vera ricchezza della casa sono i figli

‘A vicchiaja è ‘na brutta bestia.
La vecchiaia è una brutta bestia.

‘A vita è comm na scal e nu pollaio: corta e china ‘e merda.
La vita è come la scaladi un pollaio, corta e piena di escrementi

Accìre cchiù ‘a lengua ca ‘a spata.
Uccide più la lingua che la spada

Accussì va ‘o munno, chi nata e chi va ‘nfunno.
Così va il mondo, chi nuota e chi va a fondo.

Addò mangiano duje, ponno mangià pure tre.
Dove mangiano due persone, possono mangiare anche tre.

Addò cieche e addò fuoche
Dove cechi e dove vedi. Vedi solo quel che vuoi.

Addò c’è gusto nun ce sta perdenza.
Dove c’è gusto nn c’è perdita. De gustibus.

Addò ‘nce stanno fèmmene, ‘nce stanno appìecceche e chiacchiere.
Dove mancano le donne non c’è litigio e pettegolezzo.

Addò sta ‘o Papa, llà è Roma.
Dove si trova il Papa, quella è Roma.

Addò vàje truòve guàje.
Dove vai trovi guai ovvero i guai sono dovunque

‘Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace
Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace. L’amore non è bello se non è litigarello.

Amico cu’ tutte, ‘ncunfedenzia cu’ nisciuno.
Amico di tutti ma troppa confidenza con nessuno.

Astipat’o mil’ pe’ quann’ t’ven a sete.
Conserva la mela per quando avrai sete.

Attacca ‘o ciuccio ‘a ‘ddò vole ‘o padrone.
Attacca l’asino dove vuole il padrone. Segui le indicazioni del tuo capo senza fare troppe storie.

Attacate ‘a cana ca tengo ‘o can sciuoveto.
Legati la cagna che ho il cane sciolto. Fai attenzione a te che non ho intenzione di tenermi a freno.

Aggie piantato vruoccole e so asciute cavlisciure.
Ho piantato broccoli ma sono usciti cavolfiori ovvero quando si ottiene un risultato completamente diverso da quanto aspettato

One thought on “Proverbi napoletani tradotti – Lettera A

  1. “A pigliato ‘o cazzo p’a banca e l’acqua”: il significato è giusto (prendere fischi per fiaschi), ma secondo me il senso “letterale” del modo di dire è ritenere che il pene sia un dispensatore di acqua. Serva, cioè, solo per urinare. Quindi semplicemente una riserva “di liquido acquatico”, per dirla con Totò

Rispondi a Nino nic russo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.