Proverbi napoletani tradotti – Lettere D-E

Proverbi napoletani tradotti – Lettere D-E

D

Proverbi napoletani D-E

Proverbi napoletani D-E

Datte da fa’: ‘a jurnata è ‘nu muòrzo!
Datti da fare, la giornata è un boccone. Non perdere tempo che il tempo subito finisce.

Da nu malo pavatore piglia chello ca può.
Da un cattivo pagatore, prendi quello che puoi. Non ti apsettare di riuscire a recuperare tutto da un pessimo pagatore, prendi quello che puoi.

Dicette Pulicenella: “Pé mancanza ‘e denare, quanta scampagnate ca m’aggio perzo!”
Disse Pulcinella: per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!

Dicette ‘o mbriac,”si over co o mun aggir a casarella mia semp pa acca adda passa!”
Disse l’ubriaco: “Se è vero che il mondo gira, la mia casa qui deve passare!” – Chi vede le cose in modo distorto trova ragionevoli anche i ragionamenti distorti.

Dicette ‘o pappice ‘nfaccia a noce: damme ‘o tiempo ca te spertoso.
Disse il tarlo alla noce: dammi il tempo che pure ti buco. Un inno alla pazienza e la costanza che vengono sempre premiati.

D’ ‘a mattina se canosce ‘o buono journo.
Il buongiorno si vede dal mattino.

Dicett ‘a patella a ‘o scuoglio: jammuncenne!
Disse la patella allo scoglio:andiamocene! Si dice di due persone estremamente sedentarie che non hanno alcuna intenzione di muoversi.

 

E

È comme ‘a maruzza: tutto chello ca tene s’ ‘o pporta ‘ncuollo.
E come la lumaca: tutto quello che ha lo porta in dosso. È un vagabondo che porta sempre tutti i suoi averi con se.

È meglio pane e cepolla ‘a casa toja ca a galline e o fasano ‘ncasa d’autre.
Meglio pane e cipolle a casa tua, che gallina e fagiano in casa d’altri. Essere a casa non è paragonabile con nulla.

‘E ciucce s’appiccecano e ‘e varrile se scassano.
I ciucci litigano ei baril si rompono. Le liti danneggiano spesso chi non c’entra per niente.

‘E cane longhe addeventano sierpe.
I cani allungati diventano serpenti. Meglio non tirarla mai troppo per per lunghe o si rischia di perdere il controllo.

E’ commo ‘a l’uoglio: sta sempe ‘a coppo.
E’ come l’olio, sta sempre in superficie.In riferimento a una persona che vuole sempre sovrastare gli altri.

E’ commo ‘o strunzo: sta sempe ‘a galla .
E’ come la cacca: resta sempre a galla . Gli infami e i traditori riescono sempre a garantirsi una via d’uscita.

‘E dritti moreno sempe pè a mano ‘e nu fesso.
I dritti vengono uccisi dalla mano dei fessi. Le migliori persone vengono poi fregate da un qualsiasi fesso.

‘E denare so’ ‘a voce ‘e ll’ommo.
I soldi sono la voce dell’uomo. Quando si è potenti si tende a farsi rispettare maggiormente.

E fall na menat e curriandul ogni tanto!
E fallo un lancio di coriandoli ogni tanto. In riferimento a un tirchio sugerendogli ogni tanto di lasciarsi andare.

‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre
I figli sono pezzi di cuore (ZA ZA)

‘E foderi cumbattene e ‘e spade stanne appese.
I foderi combattono e le spade restano appese. I più deboli si scontrano tra loro mentre i più forti stanno a guardare.

‘E guaie ‘dda cucchiara è sape ‘a pignata.
I problemi della cucchirella li conosce la pentola. I panni sporchi si lavano in famiglia.

E’ ghiuto ‘o puorco dint’ ‘e mele.
E’ andato a finire il maiale fra le mele! Quando chi non doveva riesce ad arrivare a un potere che non sa gestire.

E’ inutile a mettere ‘o rum… nù strunz nun addeventa babbà!
E’ inutile mettere il rum, uno stronzo non diventa un babbà! E’ inutile indorare la realtà, un fetente rimane sempre un fetente.

‘E luce fanno juorno ‘a sera.
Le luci fanno diventare giorno la sera. Gli eventi positivi fanno diventare ottimisti.

È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.
È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

E’ malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
Le malattie vengono a cavallo e se ne vanno a piedi. Si fa presto ad ammalarsi molto meno presto a guarire.

E’ male tiempo ‘e mare e ‘o cefalo va caro.
E’ maltempo di mare e il cefalo si vende a  caro prezzo. Il periodo è buoi e anche le cose ordinarie costano molto.

E’ rattato proto addo me prore.
Hai grattato proprio dove mi prude. Hai toccato un argomento per me di vivo interesse.

E’ vuttato l’uosso ‘o cane.
Hai buttato l’osso al cane. Si dice quando qualcuno ridimensiona, senza crederci, qualcosa di bello.

I commenti sono chiusi

Proverbi napoletani tradotti – Lettere D-E

Proverbi napoletani tradotti – Lettere D-E

D

Proverbi napoletani D-E

Proverbi napoletani D-E

Datte da fa’: ‘a jurnata è ‘nu muòrzo!
Datti da fare, la giornata è un boccone. Non perdere tempo che il tempo subito finisce.

Da nu malo pavatore piglia chello ca può.
Da un cattivo pagatore, prendi quello che puoi. Non ti apsettare di riuscire a recuperare tutto da un pessimo pagatore, prendi quello che puoi.

Dicette Pulicenella: “Pé mancanza ‘e denare, quanta scampagnate ca m’aggio perzo!”
Disse Pulcinella: per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!

Dicette ‘o mbriac,”si over co o mun aggir a casarella mia semp pa acca adda passa!”
Disse l’ubriaco: “Se è vero che il mondo gira, la mia casa qui deve passare!” – Chi vede le cose in modo distorto trova ragionevoli anche i ragionamenti distorti.

Dicette ‘o pappice ‘nfaccia a noce: damme ‘o tiempo ca te spertoso.
Disse il tarlo alla noce: dammi il tempo che pure ti buco. Un inno alla pazienza e la costanza che vengono sempre premiati.

D’ ‘a mattina se canosce ‘o buono journo.
Il buongiorno si vede dal mattino.

Dicett ‘a patella a ‘o scuoglio: jammuncenne!
Disse la patella allo scoglio:andiamocene! Si dice di due persone estremamente sedentarie che non hanno alcuna intenzione di muoversi.

 

E

È comme ‘a maruzza: tutto chello ca tene s’ ‘o pporta ‘ncuollo.
E come la lumaca: tutto quello che ha lo porta in dosso. È un vagabondo che porta sempre tutti i suoi averi con se.

È meglio pane e cepolla ‘a casa toja ca a galline e o fasano ‘ncasa d’autre.
Meglio pane e cipolle a casa tua, che gallina e fagiano in casa d’altri. Essere a casa non è paragonabile con nulla.

‘E ciucce s’appiccecano e ‘e varrile se scassano.
I ciucci litigano ei baril si rompono. Le liti danneggiano spesso chi non c’entra per niente.

‘E cane longhe addeventano sierpe.
I cani allungati diventano serpenti. Meglio non tirarla mai troppo per per lunghe o si rischia di perdere il controllo.

E’ commo ‘a l’uoglio: sta sempe ‘a coppo.
E’ come l’olio, sta sempre in superficie.In riferimento a una persona che vuole sempre sovrastare gli altri.

E’ commo ‘o strunzo: sta sempe ‘a galla .
E’ come la cacca: resta sempre a galla . Gli infami e i traditori riescono sempre a garantirsi una via d’uscita.

‘E dritti moreno sempe pè a mano ‘e nu fesso.
I dritti vengono uccisi dalla mano dei fessi. Le migliori persone vengono poi fregate da un qualsiasi fesso.

‘E denare so’ ‘a voce ‘e ll’ommo.
I soldi sono la voce dell’uomo. Quando si è potenti si tende a farsi rispettare maggiormente.

E fall na menat e curriandul ogni tanto!
E fallo un lancio di coriandoli ogni tanto. In riferimento a un tirchio sugerendogli ogni tanto di lasciarsi andare.

‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre
I figli sono pezzi di cuore (ZA ZA)

‘E foderi cumbattene e ‘e spade stanne appese.
I foderi combattono e le spade restano appese. I più deboli si scontrano tra loro mentre i più forti stanno a guardare.

‘E guaie ‘dda cucchiara è sape ‘a pignata.
I problemi della cucchirella li conosce la pentola. I panni sporchi si lavano in famiglia.

E’ ghiuto ‘o puorco dint’ ‘e mele.
E’ andato a finire il maiale fra le mele! Quando chi non doveva riesce ad arrivare a un potere che non sa gestire.

E’ inutile a mettere ‘o rum… nù strunz nun addeventa babbà!
E’ inutile mettere il rum, uno stronzo non diventa un babbà! E’ inutile indorare la realtà, un fetente rimane sempre un fetente.

‘E luce fanno juorno ‘a sera.
Le luci fanno diventare giorno la sera. Gli eventi positivi fanno diventare ottimisti.

È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.
È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

E’ malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
Le malattie vengono a cavallo e se ne vanno a piedi. Si fa presto ad ammalarsi molto meno presto a guarire.

E’ male tiempo ‘e mare e ‘o cefalo va caro.
E’ maltempo di mare e il cefalo si vende a  caro prezzo. Il periodo è buoi e anche le cose ordinarie costano molto.

E’ rattato proto addo me prore.
Hai grattato proprio dove mi prude. Hai toccato un argomento per me di vivo interesse.

E’ vuttato l’uosso ‘o cane.
Hai buttato l’osso al cane. Si dice quando qualcuno ridimensiona, senza crederci, qualcosa di bello.

I commenti sono chiusi