Proverbi napoletani tradotti – Lettera C

Proverbi napoletani tradotti – Lettera C

Ccà nisciuno è fesso
Qui nessuno è fesso (mitico)

Proverbi napoletani C

Proverbi napoletani C

Chi pecora se fa o lupo s’ ‘o magna.
Chi si fa pecora il lupo se lo mangia: Chi si mostra troppo debole finisce per essere vittima del forte

Cane no ‘nvitato a nozze, nun ce vada, ca coglie sotto.
Cane non invitato a nozze, non ci vada, che coglie sotto.  Se non sei nvitato, non presentarti perché non sei desiderato.

Cane ca s’è scuttato d’acqua caura, ave paura pure ‘e l’acqua fredda.
Cane che è rimasto scottato dall’acqua calda, ha paura anche dell’acqua fredda. Chi è rimasto deluso una volta temerà anche chi non l’ha deluso.

Carne cruda e pesce cuotto.
Carne cruda e pesce cotto. Conviene non cambiare le buone abitudini.

Campa, cavallo, ca l’evera cresce.
Campa cavallo che l’erba cresce.

Cane c’abbaia, nun inozzeca.
Can che abbaia non morde.

Ce truamme a ballà… e ballamme.
Ci troviamo a ballare, allora balliamo. Se ci si trova invischiati in una brutta situazione tanto vale affrontiamola.

Chella cammisa ca nun bo’ sta cu’ tico, pigliala e straccialla.
La camicia che non tiva, prendila e stracciala. Chi non gradisce la tua amicizia tienilo lontano.

Chelle che faje cà, cà ‘o scunt.
Quello che fai in questo mondo qua lo paghi.

Chiamma mamma e pate a chi te da’ a ‘mmangia’
Chiama mamma e papà chi ti nutre.

Chi bella vo’ parè, pene e gguaje hadda pate’
Chi bello vuole sembrare, pene e guai deve  subire. Chi bello buole sembrare, un po’ deve soffrire.

Chi ato nun ave, cu ‘a mugliera se còcca
Chi non ha altro, va a letto con la moglie.

Chi cagna ‘a via vecchia p’ ‘a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che perde ma non non sa quello che trova

Chi è cchiù bello ‘e te se trucca.
Chi è più bello di te, si trucca.

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rato, ha rato.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.

Chi ha fatto chicchrichì, mm po’ fa chicchiricò.
Chi ha fatto chicchrichì, non può fare chicchiricò. Non si può cambiare idea da un momento all’altro.

Chi ha pietà d’ ‘a carne ‘e ll’ate, ‘a soja s’ ‘a magnano ‘e cane.
Chi ha pietà della carne altrui, la sua se la mangiano i cani. Ad avere pietà degli altri c’è il rischio di restar fregati.

Chi more’e maruzze e funge, porca chella mamma ca s”o chiagne.
Chi muore mangiando lumache di mare e funghi, sporca la madre che lo rimpiange. Chi è causa dei suoi mali non merita compassione.

Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
Chi nasce ciuccio, ciuccio muore. Chi vuol essere ignorante, ignorante muore.

Chi nasce prencepe, nun adda fà cose ‘e serviilo.
Chi nasce principe non deve fare cose da servo. Chi nasce signore non si deve comportare come un servo (detto molto antico).

Chi nasce sfurtunato ‘o piglja ‘ngulo pure assettato.
Chi nasce sfortunato lo prende in culo anche da seduto. Se uno è sfortunato non c’è nulla che lo possa proteggere.

Chi poco tene, caro tene.
Chi poco ha, caro se lo tiene.

Chi se facette ‘e cazzi suoje , campaje cient’anne.
Chi si fece i cazzi suoi, campò cento anni.

Chi sparte, ave ‘a peggia parte
Chi divide riceve la parte peggiore

– E per la serie tutto e il contrario di tutto –

Chi sparte, ave ‘a meglia parte
Chi divide riceve la parte migliore

Chi te vò bene appriesso te vene.
Chi ti vuole bene appresso ti viene. Chi ti ama ti segue.

Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna
Chi ti vuole bene più della mamma, ti sta ingannanado

Chi tene a lengua va in Sardegna.
Chi ha la lingua va in Sardegna. Chiedendo informazioni si arriva sempre a destinazione

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna
Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia. E’ inutile risparmiare troppo se dopo viene la morte che si prende tutto.

Chi troppo magna, s’affoca
Chi mangia troppo, soffoga

Chi vo’ mettere pede a ogni preta, nun arriva a la casa.
Chi vuole mettere piede su ogni pietram non arriva a casa.Con l’eccesiva pignoleria non si conclude nulla.

Chi vole va e chi nun vole….manna!
Chi vuole va e chi non vuole manda.Chi vuole fare una cosa la fa e chi no prova a delegare.

Chillo comme se galleja.
Quello fa il galletto!

Chill e nu perucchio ‘nfarenato.
Quello è un pidocchio infarinato. Agghindarsi da signore ma essere un cafone.

Chillo fà ‘o pecuraro e ‘o lupo.
Quello fa il pecoraro e il lupo. Quello è un voltagabbana.

Chillo tene ‘a saraca ‘int’ ‘a sacca.
Quello nasconde l’alaccia (tipo di sardinella) nella tasca. Quello tiene nascosto qualcosa.

Comme Baebarea accussì Natalea.
Come sarà il tempo il giorno di Santa Barbara  così sarà anche il giorno di Natale.

Cunziglio ‘e volpe rammaggio ‘e gallina.
Consiglio di volte, disappunto di gallina. Quando il furbo ti consiglia qualcuno ne paga le spese.

Comme è ‘a musica, accussì abballamo
Com’è la musica, così balliamo. Com’è la situazione così ci comportiamo.

Cu’ ‘a faccia tosta se campa ‘a casa.
Con la faccia tosta fai campare a casa. Bisogna avere la faccia tosta per portare avanti la famiglia.

Cunziglio ‘e volpe rammaggio ‘e gallina.
Consiglio di volte, disappunto di gallina. Quando il furbo ti consiglia qualcuno ne paga le spese.

Cu ‘o judizio se campa ‘a casa.
Con lil giudizio fai campare a casa. Bisogna avere avere giudizio per portare avanti la famiglia.

Cu vicino se cucina.
Col vicino si cucina. Meglio sempre avere buon rapporti col vicino, perché prima o poi si dovrà collaborare.

I commenti sono chiusi