Proverbi napoletani tradotti – Lettera B

proverbi napoletani B

proverbi napoletani B

Proverbi napoletani tradotti – Lettera B

Bannera vecchia, annore ‘e capitanio.
Bandiera vecchia, onore di capitano.

Bella tavernara, cunto caro.
Se la locandiera è bella,il conto è caro.

Bello juoco dura poco.
Il gioco è bello quando dura

Besogna ajutarse a ccauce e a mmuorze.
Bisogna aiutare se stessi a calci ed a morsi

Biato chi tene a cacarella senza freve.
La diarrea senza febbre è un bene, non un male.

Bisogna fa lo pireto pe’ quanno è gruosso ‘o culo.
Ehm… bisogna fare la scorreggi in base alle dimensioni del proprio sedere. Insomma non bisogna parlare, spendere e vantarsi più di quanto soa sostenibile.

Bizzoca bissebisse fin’ ‘a ca nun trova a isso; quanno l’ha truvato: ‘è stato Dio ca me l’ha mannato’.
Le bizoche fanno finta di non pensare agli uomini, e quando ne trovano uno che che se le piglia si giustificano dicendo:” Me lo ha mandato Dio! ”

Bona maretata senza né socra né cajnata.
Per essere ben maritata non bisogna avère né suocera né cognata.

Brutta – brù… chi pittore te pittaje?
Donna brutta, ma quale pittore ti disegnò?

Brutto ‘e faccia e bello ‘e core.
Brutto di faccia ma buono dentro.

Buono è l’amico, caro è ‘o parente, ma povera ‘a sacca toja si nun c’è stace niente.
Buono è l’amico, caro il parente, ma povera la tua tsca sedentro non hai niente. A prestare soldi ad amici e parenti si finisce con le tasce vuote.

Buono si, ma fess’ no.
buono si,  ma non stupido.

Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto ‘u tiempo.
Il bello e il cattivo tempo non durano mai in eterno.

I commenti sono chiusi